Copyright © 2007-2015 Giovanni De Luca
Giovanni De Luca web page
Giovanni De Luca web page 
Il MOS KIM-1 consisteva in una piastra con tutti i circuiti su una faccia. Includeva i tre circuiti integrati principali; il processore 6502 e due chip 6530 contenenti 1kB di ROM, 64 byte di RAM e diverse linee I/O. Poteva essere aggiunto 1K di RAM grazie a circuiti integrati separati. Erano inclusi sei display a LED a 7 segmenti (come una calcolatrice) e una tastiera a 24 tasti. Molti pin della porzione I/O dei 6530 erano connessi ai due connettori che potevano essere usati come un a porta seriale per comandare un terminale o un lettore di nastro perforato. Uno di questi connettori faceva anche da connettore di alimentazione e poteva essere anche collegato ad un registratore a cassette. Il MOS KIM-1 comprendeva un software che veniva caricato all'avvio, chiamto TIM, memorizzato nella ROM. Questo software monitor permetteva di utilizzare il registratore a cassette come memorizzazione, comandare lo schermo LED e gestire la tastiera. Il KIM-1 era uno dei primi computer a singola scheda, avendo bisogno solamente di un alimentatore esterno. Questo fatto, assieme al suo basso costo, lo rese popolare alla fine degli anni '70.


KIM-1
Ulltimo aggiornamento 5 Ottobre 2015 - Il Sito dedicato alla Robotica e ai Sistemi di Controllo Intelligenti.
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - LNS
Laboratorio  Progettazione Elettronica
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - LNS
Laboratorio  Progettazione Elettronica